23-06-2017

Apertura ex base militare di Peseggia

Dal 2 giugno 2017

Dal 2 giugno scorso, abbiamo deciso di aprire al pubblico l'ex "sito 5",  base missilistica di Peseggia. In questi mesi abbiamo fatto molti interventi manutentivi, improntati però al massimo risparmio.

L'accesso è consentito a piedi o in bicicletta. Non ci sono orari e non ci sono custodi: verificheremo sempre però che non ci sia un uso scorretto dell'area, intervenendo pesantemente in caso di danneggiamenti o usi non autorizzati. Non abbiamo demolito le strutture, o rifatto le stradine interne; abbiamo deciso di lasciare quasi tutto delle strutture che abbiamo trovato in modo che chiunque, entrando, possa farsi una idea precisa di come era strutturata l'area. Diciamo subito che non ci sono strutture nascoste, sotterranee o altro. Sono solo leggende. Tutto quello che esiste è ben visibile.

In fondo, è una testimonianza del nostro recente passato: la guerra fredda, la necessità di protezione di Venezia da attacchi aerei provenienti dai paesi dell'est comunista, ora non è più attuale.

Ciononostante, non è sbagliato che oggi ci si renda conto cosa questo ha significato nel concreto anche visitando la Base così come era: più arrugginita, ovviamente, più decadente, più disordinata, ma sostanzialmente così come era quando funzionava.

Per questo motivo, non è ora un parco pubblico "tradizionale". Lo sfalcio dell'erba e la pulizia dell'area verranno fatte con molta meno frequenza dei parchi, l'accesso alle strutture è vietato per ragioni di sicurezza, non ci saranno per ora punti illuminati. Però è uno spazio storico e naturalistico, dove poter passeggiare in assoluta tranquillità, immersi nel verde e nella natura ma, nel contempo, vedere come era organizzata una base missilistica.

Questa condizione del sito nel futuro cambierà. Ci sono proposte da parte di associazioni che, se verificate come fattibili e se condivise dalla cittadinanza, comporteranno un mutamento radicale dell'area. Ad esempio, abbiamo una proposta di realizzare un centro di tiro polivalente di dimensioni nazionali, con ricadute anche nella economia della zona in termini di strutture ricettive e di esercizi pubblici.

Sono proposte che vanno ben valutate e che devono essere frutto di confronto con la cittadinanza. Sono molto interessanti perché hanno un respiro nazionale e potrebbero portare un valorizzazione importante della zona.

Anche se queste proposte non dovessero trovare accoglimento, sarà il Comune ad intervenire, un po' alla volta. Gli immobili andranno smantellati o portati a sicurezza, le strutture militari fisse (garrite, pompe di benzina, magazzini) andranno messe in sicurezza o abbattute.

L'idea è comunque quella di costruire un po' alla volta, accanto a percorsi pubblici, spazi dedicati alle associazioni sportive e spazi dedicati a manifestazioni tipo feste o concerti all'aperto. Ci vorrà tempo e pazienza, ma l'area avrà uno sviluppo importante per tutta la collettività.

Nel frattempo, l'area è a disposizione delle associazioni per singole manifestazioni. Già da due mesi, soprattutto la domenica mattina, ci sono in base missilistica delle manifestazioni sportive di "softair".

Riteniamo importante che venga utilizzata dalle associazioni, anche per dimostrare l'utilizzo verso lo Stato. Come sapete, infatti, entro tre anni dalla acquisizione, se non dimostriamo di utilizzarla per finalità sportive, ricreative o educative, lo Stato potrebbe riprenderla indietro. Per questo, almeno per un anno e mezzo, ogni richiesta di utilizzo da parte delle associazioni verrà agevolato da parte dell'Amministrazione.

Tutto qui. So che qualcuno ha sempre qualcosa da obiettare: l'erba è alta, gli alberi non potati, il cancello arrugginito. Tutto vero, ma ho cercato di spiegare perché è così. Se avessimo milioni di euro potremmo subito trasformare l'area in un fantastico parco giochi: non li abbiamo e forse non sarebbe nemmeno giusto spenderli così. Un po' alla volta però, l'area sarà vissuta come una grande opportunità. Occorre lasciare anche alle associazioni e ai cittadini il tempo di capire come utilizzarla meglio e, compito dell'Amministrazione Comunale, è accompagnare e assecondare queste idee.

Il Sindaco Giovanni Battista Mestriner

Domeniche assegnate ad associazioni

Si comunicano le domeniche nelle quali la base è chiusa dalle ore 8.00 alle ore 13.00 per manifestazione sportiva.

Mese di luglio 

  • domenica 2 luglio 2017
  • domenica 9 luglio 2017
  • domenica 16 luglio 2017
  • domenica 23 luglio 2017

Mese di agosto

base sempre aperta

 

Ulteriori chiusure saranno comunicate appena disponibili.