AttivitÓ

L'Ufficio Commercio e di Polizia Amministrativa del Comune di Scorzè è competente al rilascio delle autorizzazioni amministrative relative agli esercizi commerciali, agli esercizi pubblici (bar, ristoranti), ai mercati, ai mercatini, alle sagre e alle fiere, alle manifestazioni in genere. Svolge anche le pratiche inerenti le attivitá artigiane, le strutture ricettive-alberghiere ed extra alberghiere, l'agriturismo. Collabora con l'Ufficio Tecnico comunale, cui competono gli adempimenti relativi alla destinazione d'uso dei locali per le attivitá commerciali ed artigianali.
Cura inoltre il rilascio di autorizzazioni  di trasporto, di noleggio di autovetture con conducente e di autobus, di distribuzione di carburanti e di altri provvedimenti di polizia amministrativa. Facilita il cittadino nell'ottenimento delle licenze di pesca e dei permessi di raccolta funghi rilasciati dagli uffici della Provincia di Venezia.

Autorizzazioni commerciali

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE IN SEDE FISSA

Il Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 114, ha riformato la disciplina relativa al settore del commercio, istituendo – al posto delle tabelle merceologiche – i settori merceologici, che in seguito all’entrata in vigore della L.R. 13.08.2004, n. 15, sono:
- alimentare
- non alimentare generico
- non alimentare a grande fabbisogno di superficie
- misto.
 
In base alla superficie di vendita, il commercio al dettaglio é strutturato in:
-Esercizi di vicinato: fino a mq. 250.:
-Medie strutture di vendita: da 251 a 1000 mq.
-Medie strutture di vendita: da 1001 a 2500 mq.
-Grandi strutture di vendita: da 2501 a 15000 mq.
-Grandi strutture di vendita: da 2501 a 25000 mq.
 
COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE
(Ex commercio ambulante)
(Legge 28.03.1991 n.112, D.M. 04.06.1993 n. 248, L.R. 09.03.1995 n.8)
 
Fino al 23 aprile 2001 la legge n.112/91 prevedeva tre tipi di autorizzazioni:
  • "A" = su aree date in concessione per un periodo di tempo pluriennale per essere utilizzate quotidianamente dagli stesso soggetti durante tutta la settimana;
  • "B" = su aree date in concessione per un periodo di tempo pluriennale per essere utilizzate solo in uno o piú giorni della settimana;
  • "C" = su qualsiasi area, purchè in forma itinerante.
Con Legge Regionale 6 aprile 2001, n. 10 sono state introdotte:
NUOVE NORME IN MATERIA DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE
(D. Lgs. 31.03.1998 n. 114) - L.R. 06.04.2001 n. 10, pubblicata sul B.U.R. Veneto del 10.04.2001 n. 32 + del.ne G. R. 20.07.2001 n. 1902.
 
Sono previsti adempimenti nuovi in capo alla Giunta Regionale ed ai Comuni.
Dal 24 aprile 2001, data di entrata in vigore della legge, le autorizzazioni sono di due tipi:
"A" = (ex tipologie "A" e "B" della Legge n.112/91) posteggi fissi (mercati e posteggi isolati).
"B" = (ex tipologia "C" della Legge n.112/91) itineranti.
 
MERCATINI DELL'ANTIQUARIATO E DEL COLLEZIONISMO (L.R. 10/2001)
 
Possono partecipare operatori:

- professionali: muniti di autorizzazione per il posteggio su area pubblica (rilasciata dal Comune per lo spazio espositivo destinato ai commercianti);
- non professionali: muniti di un tesserino di riconoscimento contenente le generalitá, la fotografia e sei appositi spazi per la vidimazione.

 
FIERE (Sagre, Mostre, ecc.)
Possono partecipare tutti gli operatori muniti dell'autorizzazione per l'attivitá di commercio su aree pubbliche che abbiano presentato domanda in bollo almeno 60 giorni prima della manifestazione e che rientrino nell'apposita graduatoria.
 
PRODUTTORI AGRICOLI
(Legge n. 59/1963 - L.R. n.19/1999 - D. Lgs 228/2001)
I produttori agricoli possono vendere generi di propria produzione, di coltura o di allevamento, press
- i luoghi stessi di produzione;
- luoghi diversi da quelli di produzione;
- il mercato.
 
SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE
 
E’ entrata in vigore il 10 ottobre la nuova legge regionale n. 29 del 21 settembre 2007 (pubblicata sul BUR n. 84/2007), “Disciplina dell’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande”, che disciplina i pubblici esercizi. Tra le novità più importanti, prevede l’individuazione di una tipologia unica per gli esercizi di somministrazione alimenti e bevande. Le autorizzazioni di tipo A, B e C già rilasciate diventano autorizzazioni a tipologia unica. Coloro che sono già autorizzati possono modificare/ampliare la propria attività nel rispetto delle norme igienico-sanitaria, edilizia, urbanistica, destinazione d’uso, di inquinamento acustico e dei criteri di sorvegliabilità (art. 38). Non necessita alcuna conversione delle vecchie autorizzazioni.
Sono previsti nuovi requisiti professionali per l’esercizio dell’attività di somministrazione e le società, associazioni o circoli privati che si avvalgono della figura del delegato, ai sensi della ex legge 287/91, devono conformarsi alle nuove disposizioni entro il 9 aprile 2009.
Sono previste nuove e specifiche disposizioni in caso di subingresso, sia tra vivi sia a causa di morte.
Ad aprile 2008 entrerà in vigore la normativa della pubblicità dei prezzi (art. 30):
- i bar dovranno esporre un listino visibile anche dall’esterno durante l’apertura;
- i ristoranti dovranno mettere a disposizione dei clienti il menù (che va esposto anche all’esterno durante l’apertura).
Entrerà in vigore ad aprile 2008 il divieto di somministrare alcolici dalle ore 1 alle ore 6 antimeridiane se ci sarà l’accordo con le Regioni confinanti; in caso di mancato accordo il divieto entra in vigore dalle ore 2 antimeridiane. Tale divieto dovrà essere comunicato dall’esercente al pubblico con apposito cartello (art. 6 e 7).
Altra novità: in caso di richiesta di autorizzazione temporanea per la somministrazione di alimenti e bevande in occasione di sagre e fiere, non sono necessari i requisiti professionali, ma solo quelli morali, qualora le stesse abbiano carattere religioso, benefico e/o politico.

Orari degli esercizi di somministrazione alimenti e bevande.
L’ordinanza sindacale n. 15/2005 in materia di orari degli esercizi pubblici e delle attività di somministrazione alimenti e bevande non è più applicabile dal 10 ottobre 2007, giorno di entrata in vigore della nuova normativa regionale.
Gli esercenti dovranno pertanto conformarsi a quanto disposto dalla nuova legge fino all’adozione del nuovo provvedimento di determinazione degli orari da parte del Comune.
La nuova legge regionale e gli articoli che disciplinano gli orari di apertura e chiusura degli esercizi di somministrazione alimenti e bevande sono consultabili sul sito internet www.consiglioveneto.it e reperibili in copia presso l’Ufficio Commercio in Comune.

 
TURISMO
Il progetto turistico del Miranese, che vede coinvolto nella sua realizzazione anche il Comune di Scorzé, ha inteso valorizzare dei luoghi che fino ad ora non erano stati considerati turisticamente "interessanti". Molte sono le iniziative in programma tra le quali il "Bed & Breakfast" e la possibilitá di costruire o restaurare immobili ad uso turistico. L'interesse che i cittadini stanno dimostrando nella realizzazione di questo progetto porterá non solo investimenti, sviluppo, occupazione ma anche valorizzazione ambientale e culturale del Comune e quindi anche una migliore qualitá della vita.
 
STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE
Sono considerate strutture ricettive alberghiere:
- gli alberghi;
- i motel;
- i villaggi-albergo;
- le residenze turistico-alberghiere;
- le residenze d'epoca.
 
STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE
Sono strutture ricettive extralberghiere:
1.  gli esercizi di affittacamere;
2.  le attivitá ricettive in esercizi di ristorazione;
3.  le attivitá ricettive a conduzione familiare Bed & Breakfast (B & B);
4.  le unitá abitative ammobiliate ad uso turistico;
5.  le strutture ricettive - residence;
6.  le attivitá ricettive in residenze rurali;
7.  le case per ferie;
8.  gli ostelli per la gioventú
9.  le foresterie per turisti;
10. le case religiose di ospitalitá;
11. i centri soggiorno studi.
 
COMPLESSI RICETTIVI ALL'APERTO
Sono complessi ricettivi all'aperto:
1. i villaggi turistici;
2. i campeggi;
3. i campeggi-villaggio.
 
DISTRIBUTORI DI CARBURANTE
-  Impianti stradali;
-  Impianti privati;
 
NOLEGGIO
- Noleggio con conducente di autovetture
- Noleggio con conducente di autobus
- Trasporti per la scuola dell’obbligo e trasporto per disabili
- Noleggio da rimessa senza conducente